IL GIARDINO DEI SEGRETI

Il Giardino dei Segreti

Via Pasquale Sottocorno, 17
20129 Milano (MI) - Lombardia



Orari

Aperto a pranzo dalle 12,30 alle 14,30
A cena dalle 19,30 alle 23,30

Tools

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Registratevi per essere informati sugli Eventi

Se volete lasciare un commento su FaceBook cliccate:
Commenti, Opinioni, Recensioni

Informazioni


Il Giardino dei Segreti - Ristoranti Milano, menu carne e pesce Lombardia Italia

Il locale si presenta suddiviso in due sale. Il giardino,dedicato alle stagioni calde offre un suggestivo panorama a cielo aperto. Potendo godere della fresca aria serale per una cena romantica, è perfetto per chi ama gli spazi esterni. In inverno viene reso accessibile addattandolo con chiusure a norma.
La sala interna di mattoni rossi ha forti richiami verso un loft, creando una suggestiva ed accogliente atmosfera.
Enrico e Remo ,titolari di origini Sarde, inaugurano questa location nel 1998 trasmettendo ai loro clienti passione, professionalità e cortesia.
Gli acquisti dei prodotti, seguiti personalmente da Remo, si indirizzano esclusivamente verso materie prime di ineccepibile qualità. Il pesce, le carni, (intere lombate da cui estrarre la famosa costata alla Fiorentina) e le verdure entrano in cucina solo dopo attente valutazioni qualitative.
In stagione, apprezzabile per gli appassionati, la proposta di funghi e tartufi.
La qualità alta del pescato è proposta anche in crudità. Per chi cerca qualità nel prodotto, cortesia ed eleganza negli ambienti questa ristorante è assolutamente da provare.

Eventi e Novità


News Events & Topics


Chiusura per festività natalizie


Il ristorante resterà chiuso dal 24 Dicembre al 3 Gennaio.

Pescato di eccellenza


Solo il pescato freschissimo e di alta qualità viene utlizzato per realizzare i piatti di mare.

Carni di alta qualità


La qualità delle carni proposte nelle ricette è rigorosamente selezionata dallo Chef.

Menu


ANTIPASTI



Scampi con carciofi
Insalata di funghi e grana
Scampi con la rucola
Scampi alla catalana
Carciofi e grana
Piovra olio e limone
Misto gratinato
Ostriche
Tartufi
Capesante
Scampi freschi crudi
Gamberetti e rucola
Insalatina di scampi
Moscardini e polenta
Prosciutto di Parma
Prosciutto toscano
Lardo crudo
Pancetta
Buffet
Acciughe del Giardino
Antipasto della casa di terra
Antipasto della casa di mare

PRIMI



Risotto con scampi e fiori di zucca
Spaghetti ai frutti di mare
Spaghetti alle vongole
Spaghetti all’astice
Spaghetti con gli scampi
Linguine allo scorfano
Tagliatelle con scampi e zucchine
Risotto al nero di seppia
Spaghetti alla bottarga
Tagliatelle dei Segreti
Pennette all’arrabbiata
Gnocchi al pomodoro e basilico
Spaghetti ai pomodorini freschi
Tagliatelle ai funghi porcini
Tagliatelle al sugo di noci
Tagliatelle con gli asparagi
Tagliatelle con i carciofi
Ravioli di magro al pomodoro e basilico
Tortelloni dei Segreti
Risotto con funghi porcini
Risotto con carciofi
Risotto alla milanese

SECONDI



SECONDI DI CARNE
Tagliata
Fiorentina
Costata alla griglia
Filetto alla griglia
Filetto alla Woronoff
Filetto al pepe verde
Rognone di vitello alla griglia
Fegato di vitello alla griglia
Misto di carne alla griglia
Scottadito di agnello alla griglia
Nodino di vitello alla griglia
Paillard di vitello alla griglia
Cotoletta di vitello
Salsiccia toscana alla griglia
Grand filet au Chateaubriand

SECONDI DI PESCE
Pesce spada alla griglia
Branzino al sale
Branzino alla griglia
Rombo con patate e carciofi
Sogliola alla griglia
Sogliola alla mugnaia
Pescatrice alla siciliana
Misto di pesce alla griglia
Salmone alla griglia
Scamponi alla griglia
Scamponi al sale
Gamberoni alla griglia
Calamari alla griglia
Fritto di scampi calamaretti e zucchine
Zuppa di frutti di mare
Scamponi fritti
Ricciola a piacere
Scorfano al forno con frutti di mare
Triglie gratinate
Gallinella alla siciliana

CONTORNI



Toscanelli
Trevisana alla griglia
Verdure bollite
Patate dei Segreti
Insalata mista
Insalata di pomodori
Insalata di carciofi
Pinzmonio x due

DOLCI



Crem caramel
Tiramisu’
Panna cotta con cioccolato
Torta di mele
Torta di pere e cioccolato
Meneghina calda al gran marnier
Sorbetto al limone o alla mela
Semifreddi
Ananas fresco
Cantucci e Vin santo
Frutti di bosco

Wine


VINI BIANCHI



PIEMONTE
Roero Arneis B.Giacosa
Arneis Blange’ Ceretto

ALTO ADIGE
Gewurztraminer J Hoffstatter
Muller Thurgau J Hoffstatter
Gewurzstraminer E.Walch

FRIULI VENEZIA GIULIA
Terre Alte L.Felluga
Pinot Grigio Russiz Superiore
Pinot Grigio La Tunella
Pinot Grigio Villa Russiz
Sauvignon Russiz Superiore
Sauvignon Villa Russiz
Tocai Friulano La Tunella
Ribolla Gialla Villa Russiz
Pinot Bianco Russiz Superiore

CAMPANIA
Greco di Tufo Terredora P.L.D.
Fiano di Avellino Terredora P.L.D.
Falanghina Terredora P.L.D.
Falanghina San Salvatore
Greco di tufo San Salvatore
Fiano di Avellino San Salvatore

UMBRIA
Cervaro della sala Antinori

SARDEGNA
Vermentino di Gallura Piras
Vermentino di Gallura Depperu
Vermentino di gallura Karagnanj
Vermentino di gallura ven tardiva Capichera
Vermentino di Gallura Capichera

LOMBARDIA
Pinot Grigio Prago
Chardonnay Prago

VENETO
Lugana Ca Maiol

VINI ROSATI
Scalabrone Antinori

SPUMANTI E CHAMPAGNE



Cristal Luis Roederer
Luis Roederer Luis Roederer
Gosset Gaja
Gosset Rose’ Gaja
Ruinart Blanc de Blanc
Ca del Bosco Brut
Torbato Brut Sella e Mosca
Cavalleri brut Cavalleri
Le Marchesine Saten
Cavalleri Rose’ Cavalleri
Ca del Bosco Rosè

VINI ROSSI



PIEMONTE
Dolcetto D’Alba Tenuta Carretta
Dolcetto D’Alba Sandrone
Dolcetto Cremes Gaja
Barbera D’Alba Tenuta Carretta
Barbera Domenico Clerico
Barbera Camp du Rouss Coppo
Barbera R.Voerzio
Barbera Bricco Dell’uccellone
Grignolino Tenuta Carretta
Nebbiolo Tenuta Carretta
Barbaresco Tenuta Carretta
Barbaresco Gaja
Barolo Tenuta Carretta
Barolo Conteisa Cerequio Gaja
Barolo R.Voerzio
Sperss Gaja
Sito Moresco Gaja
Conteisa Gaja
Barolo Cascina Francia Giacomo Conterno
Barolo Domenico Clerico
Arte Domenico Clerico
Capismee Nebbiolo Domenico Clerico
Barbera Sandrone
Barolo Sandrone
Barbera Pomorosso Coppo

TRENTINO
Teroldego Marco Donati
Teroldego Foradori
Teroldego riserva Granato Foradori

FRIULI VENEZIA GIULIA
Cabernet Franc La Tunella
Merlot La Tunella
Refosco La Tunella
Merlot Villa Russiz
Vertigo Felluga

VENETO
Valpolicella classico Mazzi
Amarone Tommasi
Valpolicella Superiore Dal Forno
Amarone Dal Forno
Ripassa Zenato
Amarone Zenato
Amarone Stopa

SARDEGNA
Korem Argiolas
Turriga Argiolas
Cannonau Argiolas
Carignano del sulcis 6 Mura
Carignano del sulcis riserva 6Mura

UMBRIA
Sagrantino di Montefalco A.Caprai
Rosso di Montefalco Antonelli
Sagrantino di Montefalco A.Caprai

LOMBARDIA
Bonarda Prago
Franciacorta Ca Del Bosco
Sassella Nino Negri
Mazer Nino Negri
Sforzato Nino Negri
Sforzato 5 Stelle Nino Negri
Inferno Nino negri
Inferno Riserva Nino Negri

SICILIA
Nero D’Avola Fima
Merlot Cottanera
Syrah Cottanera
Tancredi Donna Fugata
Mille e una notte Donna Fugata
Etna Rosso Palari
Etna Rosso Benanti
Nerojbleo Gulfi

TOSCANA
Chianti Peppoli Antinori
Chianti San Felice
Chianti Riserva Castello di Ama
Chianti Badia Passignano Antinori
Solaia Antinori
Brunello di Montalcino S.Restituta Gaja
Brunello di Montalcino Rennina Gaja Riserva
Rosso di Montepulciano Poliziano
Nobile di Montepulciano Poliziano
Tignanello Antinori
Guado al Tasso Antinori
Cepparello Isole e Olena
Apparita Isole e Olena
Rosso di Montalcino Fattoria i Fanti
Chianti Isole e Olena
Promis Ca Marcanda Gaja
Magari Gaja
Le Stanze Poliziano
Asinone Poliziano
Morellino di Scansano Poliziano
Cabernet franc Fiammante
Pergole Torte Montevertine
Poggio al Moro Bolgheri Santini
Montepergoli Bolgheri Superiore Santini
Chianti Curva de Vescovo Poggio Bolsoni

ALTO ADIGE
Cabernet Sauvignon J Hofftatter
Lagrein J Hofftatter
Cabernet franc Russiz Superiore
Pinot nero J Hoffstatter
Pinot Nero riserva J Hoffstatter
Lagrein Elena Walch
Schiava Elena Walch
Cabernet Elena Walch
Pinot nero Elena Walch

CAMPANIA
Aglianico Terredora
Aglianico San Salvatore
Aglianico Senza solfiti agg. San Salvatore
Taurasi Mastroberardino

PUGLIA
Negramaro Castello dei Monaci
Primitivo di Manduria Castello dei Monaci

BASILICATA
Aglianico del Vulture La firma Cantine del Notaio
Aglianico del Vulture Il Repertorio Cantine del Notaio
Aglianico del vulture L’Atto Cantine del Notaio

Quality


Ineccepibile la ricerca e la selezione dei prodotti destinati alla propria clientela. Le carni, il pescato, i funghi secondo stagione appartengono alla categoria superiore. Tutto rigorosamente visibile dal cliente.

Wine & Champagne


Ristorante con cantina vini pregiata a Milano.
Come tradizione insegna, una grande cucina è affiancata da una grande cantina. Vasta e curata la scelta di etichette proposta in accompagnamento alle portate preferite.

Drink


Oltre ad una cantina ben fornita Il Giardino dei Segreti propone una raffinata selezione di distillati nazionali ed esteri, per la giusta conclusione di una buona cena o per un fine serata in compagnia.


Servizi


Business lunch


Lo chef propone piatti veloci per un pranzo di lavoro equilibrato.

Carni selezionate di qualità


Le migliori carni selezionate del mercato italiano.

Carne alla brace


La carne viene cotta sulla brace per mantenere i suoi profumi.

La cantina enoteca


Troverete un'ampia proposta di vini italiani ed esteri per le vostre esigenze.

Pesce fresco ogni giorno


Proposta giornaliera di piatti con il migliore pesce selezionato per i Clienti.

Light lunch


La cucina propone piatti leggeri per un menù light.

Services


Map


Il Giardino dei Segreti
Via Pasquale Sottocorno, 17 20129 Milano (MI)


Meteo

Location


Il ristorante è situato in centro Milano ed è comodamente raggiungibile con ogni mezzo.
E' aperto anche a mezzogiorno per light o business lunch e per pranzi in relax in un ambiente accogliente.
A cena ed in estate, l'atmosfera è sempre suggestiva per trascorrere serate romantiche e degustare ottimi piatti.

Photogallery


Due sale finemente arredate, ambiente intimo riservato ma dai colori mediterranei e vivaci, una composta come uno spazio a cielo aperto, ideale per la bella stagione e l'altra caratterizzata da mattoni rossi che danno l'idea di un'accoglienza come a casa propria. L'alta qualità del cibo e l'atmosfera riservata e romantica fanno di questo ristorante un vero punto di riferimento per la ristorazione milanese.

Summer Area


Un'ampia sala dedicata all'estate concede la possibilità di cenare a cielo aperto regalando una romantica cornice nelle calde serate in città.

To Visit


Stadio di San Siro


Lo stadio Giuseppe Meazza è noto anche come stadio San Siro.
Nel 1925 il Presidente del Milan, Piero Pirelli, richiede la costruzione di uno stadio calcistico nelle vicinanze dell’Ippodromo per il Trotto.
La struttura è composta da quattro tribune rettilinee, una delle quali parzialmente coperta, e può contenere fino a 35.000 spettatori. Il Comune di Milano, dopo aver acquistato lo stadio, avvia nel 1935 una prima operazione di ampliamento che dà origine alla costruzione di quattro curve di raccordo tra le tribune e all’incremento della capienza delle due tribune di testata: la chiusura dei lavori, curati dall’ingegner Bertera e dall’architetto Perlasca, restituisce ai milanesi uno stadio da 55.000 posti.
Lo stadio, Nato per ospitare le partite del Milan, diviene “terreno amico” anche per l’Inter, a partire dalla stagione 1947-1948. Il secondo ampliamento, su progetto dell’ingegnere Ferruccio Calzolari e dell’architetto Armando Ronca, produce nel 1955 una drastica trasformazione: viene realizzata una struttura portante per un secondo anello di tribune che sovrastano, e in parte coprono, le vecchie tribune. La capienza totale sale così a 100.000 spettatori; in seguito, provvedimenti dettati dalle misure di sicurezza riducono i posti ad 85.000, suddivisi tra posti in piedi e a sedere (circa 60.000). L’immagine architettonica dello stadio viene rinnovata attraverso rampe elicoidali che permettono l’accesso al secondo anello.
I lavori per la realizzazione dell’impianto di illuminazione notturna per le partite risalgono al 1957 e dieci anni più tardi viene installato il tabellone luminoso elettronico.
Nel 1980, questo tempio del calcio viene intitolato alla memoria di Giuseppe Meazza, giocatore milanese dell’Inter e del Milan e due volte Campione del Mondo con la Nazionale, indimenticato.
In occasione della Coppa del Mondo di calcio del 1990 il Comune di Milano decide di dare inizio a un notevole rinnovamento dello stadio.
Si è orientati verso la progettazione di una soluzione architettonicamente innovativa, attraverso la costruzione di un terzo anello e la copertura di tutti i posti a sedere. Il progetto, firmato dagli architetti Giancarlo Ragazzi, Enrico Hoffer e dall’ingegnere Leo Finzi, prevede infatti sostegni autonomi, disposti attorno allo stadio esistente, su cui poter appoggiare il nuovo anello.
Vengono così realizzate undici torri cilindriche in cemento armato che danno accesso alle gradinate; quattro di queste, oltre a contenere vari locali di servizio, fungono da sostegno alle travi reticolari di copertura. Il colore dei seggiolini installati distingue cromaticamente i quattro settori in cui viene suddiviso lo stadio: rosso e arancione per i rettilinei, verde e blu per le curve. Gli 85.700 posti a sedere che ne risultano sono tutti coperti da lastre in policarbonato che garantiscono un maggior comfort agli spettatori. La parte sovrastante il terreno di gioco rimane a cielo aperto, permettendo che gli incontri possano comunque svolgersi in condizioni naturali, climatiche e di luminosità. Viene realizzato un nuovo impianto di illuminazione e un sistema di riscaldamento del manto erboso per tenere costantemente controllata la temperatura, impedendo la formazione di ghiaccio.

Le Colonne di San Lorenzo


C’è uno spazio a Milano, appena oltre la Porta Ticinese, uno degli scorci più suggestivi e noti della città meneghina: il colonnato di fronte alla Basilica di San Lorenzo. Proprio nel cuore di quella borgata che i Milanesi chiamavano La Vetra dei Cittadini.
Le Colonne di San Lorenzo sono uno dei rari reperti della Milano Imperiale che sono rimasti intatti fino ad oggi e che si possono ammirare da vicino. La città infatti, a cavallo tra il IV e V secolo dopo Cristo era la capitale dell’Impero Romano d’Occidente.
L’antica pianta di Milano era quella tipica degli accampamenti militari romani con due arterie principali che si congiungevano nel centro cittadino, il Foro, corrispondente all'attuale piazza S.Sepolcro.
Fu durante questo periodo che Milano, l’antica Mediolanum, si arricchì di palazzo imperiale, delle mura massimiane, terme, circo e un mausoleo imperiale.
Fu qui che nel 313 l’imperatore Costantino promulgò l’editto che consentiva libertà a tutti i culti tra cui il culto cristiano.
Le storiche figure del Vescovo Ambrogio e dell’Imperatore Teodosio I fecero infine di Milano il centro più importante della Chiesa d’Occidente.
Passando lungo le sedici colonne marmoree di San Lorenzo sormontate da capitelli corinzi si colgono le tracce di romanità, di un passato che emerge attraverso i reperti visibili in città.
Il colonnato fu eretto in epoca tardo antica come prospetto scenografico dell'atrio antistante la chiesa, ma è costituito da colonne, basi, capitelli e frammenti di architrave assai più antichi, recuperati da un edificio pubblico a noi ignoto risalente alla seconda metà del II secolo d.C.

I Navigli di Milano


Il sistema dei Navigli nasce con l’ambizioso progetto di collegare Milano con il Lago di Como, l’Adda, il Lago Maggiore e il Po, arrivando nel nord Europa e poi fino al mare. La storia dei Navigli comincia nella seconda metà del XII secolo, con la costruzione del primo tratto navigabile.
Il primo canale, il Ticinello, venne inaugurato nel 1179, e con i suoi 50 chilometri di lunghezza, diede il via all’edificazione del Naviglio grande. Nel 1457 Francesco Sforza affidò a Bertola da Novate la costruzione del Naviglio della Martesana ma fu con Ludovico il Moro che si ebbe la vera svolta.
Con un geniale sistema di chiuse, Leonardo da Vinci riuscì a collegare Milano con il Lago di Como. Mancava solo il collegamento con il mare attraverso il Po: a questo pensò Napoleone nel 1805 che completò la costruzione del Naviglio pavese. I Navigli hanno vissuto epoche alterne: hanno portato ricchezza ma in seguito hanno subito l’abbandono e l’inquinamento e una buona parte sono stati interrati. Nonostante tutto, i milanesi li hanno sempre amati, andando a passeggiare o frequentando le osterie e i locali che nascevano lì intorno. Oggi vivono una rinascita e sono al centro di numerosi progetti di riqualificazione; il primo portato a compimento è quello della nuova Darsena, nel Naviglio Grande, avvenuto con l’Expo 2015. Piste ciclabili, battelli, zone relax si affiancano alle tradizionali osterie, le boutique e i negozi degli artisti.

To See & To Do


Press

Friends

  • Canino
    Canino
    Bellinzona
  • Mulino Grande 
    Mulino Grande
    Cusago
  • Le Palme
    Le Palme
    Varazze
  • Osteria dei Servi
    Osteria dei Servi
    Parma
  • Cazzaniga
    Cazzaniga
    Monza
  • Fontana Gioielli
    Fontana Gioielli
    Sesto Calende
  • Florenz
    Florenz
    Finale Ligure
  • La Greppia
    La Greppia
    Parma
  • La Birreria Italiana
    La Birreria Italiana
    Milano
  • Antica Grancia Benedettina
    Antica Grancia Benedettina
    Colorno
  • Bellevue
    Bellevue
    Pré-Saint-Didier
  • Al Campanile
    Al Campanile
    Corbetta
  • Cacao
    Cacao
    Sesto San Giovanni
  • Granero Import
    Granero Import
    Finale Ligure
  • Medical Life Beauty
    Medical Life Beauty
    Treviglio
  • Shakespeare
    Shakespeare
    Parma
TOP